L’essenziale in un solo bagaglio a mano

Copertina Solo Bagaglio a manoSinossi
Non ingombrare, non essere ingombranti: è l’unica prospettiva che si possa contare fra quelle positive, efficaci, forse anche moralmente e politicamente buone.
Gabriele Romagnoli ha avuto modo di pensarci in Corea, mentre era virtualmente morto, chiuso in una cassa di legno, grazie al rito-esperimento di una società che si chiama Korea Life Consulting.
Nel silenzio claustrofobico di quella bara, con addosso solo una vestaglia senza tasche (perché, come si dice a Napoli, “l’ultimo vestito è senza tasche”), arrivano le storie, le riflessioni, i pensieri ossessivi che hanno a che fare con la moderazione.
Il bagaglio a mano, per esempio. Un bagaglio che chiede l’indispensabile, e dunque, chiedendo di scegliere, mette in moto una critica del possibile. Un bagaglio che impone di selezionare un vestito multiuso, un accessorio funzionale, persino un colore non invadente.
Il bagaglio del grande viaggiatore diventa metafora di un modello di esistenza che non teme la privazione del “senza”, che vede nel “perdere” una forma di ricchezza, che sollecita l’affrancamento dai bisogni. Anche di fronte alle più torve minacce del mondo, la leggerezza di sapersi slegato dalla dipendenza tutta occidentale della “pesantezza” del corpo e da ciò che a essa si accompagna diventa un’ipotesi di salvezza, di sineddoche liberatrice.

Recensione
E’ una di quelle notti in cui ti svegli ad un orario improbabile e il sonno non sembra voler tornare da te. Puoi fare poche cose alle 4 del mattino, scorri velocemente gruppi di lettura e trovi questa copertina arancione, questo titolo. Leggi la trama e decidi che si, forse potrà farti compagnia mentre fuori è buio.

L’aspetto positivo degli ebook reader è che in qualsiasi momento puoi acquistare libri e immediatamente ne disponi. Pochi secondi e il libro è mio. La lettura inizia veloce e già mi vedo catapultata insieme al protagonista dentro quella cassa di legno che lo aiuterà a capire, a riflettere sulla propria esistenza, sulle proprie scelte. A riguardare con occhi diversi quanto fatto e quanto si può ancora fare.
Alleggerirsi, è questa la sensazione che si ha quando la lettura, breve ahimè, termina. Quando l’ultima pagina volge al termine hai solo voglia di liberarti da cose, persone, emozioni, pesi.
Pensieri pesanti. Persone pesanti. Cose pesanti.
L’essenziale che vogliamo portare con noi, ciò che abbiamo di bello, di leggero, non fardelli di ricordi pesanti… via tutto.
Ci si porta solo l’indispensabile in questo viaggio che è la vita.

Acquista “Solo bagaglio a mano”
Ebook kindle 
Libro Cartaceo