MondoApp: Sherlock l’antifurto GPS per la bicicletta

Ogni anno più di 3 milioni di biciclette vengono rubate in Europa. Il furto di bici è un problema sempre più diffuso, soprattutto nelle aree urbane in cui si sta affermando un nuovo concetto di smart mobility.

Sherlock è l’antifurto GPS invisibile per bici. È un dispositivo IoT associato ad un’app, in grado di monitorare in tempo reale la posizione della bici e supportarne il recupero in caso di furto.
La flessibilità del dispositivo permette di installarlo all’interno di qualsiasi manubrio, rendendolo invisibile dall’esterno, al riparo da occhi indiscreti e protetto da urti e agenti atmosferici. Grazie all’app si può registrare il profilo della propria bici e associarla in modo univoco al ciclista.

Il padre di Sherlock è Pierluigi Freni, ingegnere ventisettenne e appassionato di tecnologia che insieme a un team di persone laureate in vari settori, ha realizzato questo antifurto di ultima generazione.

Caratteristiche:
Localizzazione: combinazione di modulo GPS e connessione Internet (GSM/GPRS) per una precisione minore di a 5 metri
Notifiche push: se la bici viene spostata l’utente riceve una notifica immediata tramite la app
Design discreto: il dispositivo è molto compatto e leggero. Può essere installato liberamente nel manubrio, nel reggisella o nel cambio elettronico e non è visibile dall’esterno.
Affidabilità: il sistema associa univocamente l’utente, il dispositivo e la bicicletta per garantire una corretta identificazione al ritrovamento.
Durata della batteria: la batteria è ottimizzata per essere in funzione solo quando la bici è in movimento.
User experience: tutte le funzioni possono essere controllate tramite la app via Bluetooth LE.

Sherlock potrebbe essere messo in vendita a partire da Giugno 2016, al momento è ancora in fase di test.
Il progetto partecipa al concorso indetto da Edison ed è possibile votare l’app al seguente indirizzo, dopo registrazione: http://www.edisonpulse.it/idee/sherlock

Sherlock
Sito | Facebook |