• Home »
  • Focus »
  • “Andrá tutto bene” le strisce di Leo Ortolani sul Coronavirus

“Andrá tutto bene” le strisce di Leo Ortolani sul Coronavirus

Leo Ortolani Andrá tutto beneRaccontato da Leo Ortolani, perfino il coronavirus può diventare un tema esilarante e degno di un sano, liberatorio scherno.
Non ci si può che arrendere alle risate di fronte a questo diario disegnato della pandemia, in cui l’autocertificazione è materia per scrittori fantasy, i politici si esibiscono in uscite sempre più improbabili e il protagonista assiste, impotente e smarrito, a un’escalation di situazioni surreali.

Un colossale successo in rete diventa ora una raccolta da collezione, un oggetto irrinunciabile per i fan ma soprattutto per chi vorrà rileggere questi giorni con lo sguardo arguto e implacabile del grande autore di Rat-man.

Chi é Leo Ortolani

Leo Ortolani, nato a Pisa nel 1967 e trasferitosi dopo un anno a Parma, è uno dei più importanti e apprezzati fumettisti Italiani.
Le sue opere, dallo stile ironico e pungente, gli sono valse numerosi riconoscimenti.
Il suo esordio avviene nel 1989, quando per la collana Spot della Casa editrice Comic Art pubblica la prima storia di quello che diventerà il suo personaggio più celebre: Rat-Man.
La raccolta delle recensioni cinematografiche viene pubblicata nel 2016 dalla Case editrice BAO Publishing nel volume Cinemah presenta – Il buio in sala, a cui è recentemente seguito Cinemah presenta – Il buio colpisce ancora.
Nel 2017, Ortolani pubblica C’è spazio per tutti (Panini). Nel 2018, per BAO Publishing, realizza il graphic novel Cinzia, che vede come protagonista l’omonimo e amatissimo personaggio della saga di Rat-Man. Leo Ortolani ha vinto più volte tutti i principali premi del fumetto in Italia. Per Feltrinelli Comics nel 2019 ha pubblicato Luna 2069.